Dimensionamento reti tubazioni rame

Programma funzionante posto in fondo alla pagina

Dimensionamento reti tubazioni rame

Dimensionamento reti tubazioni rame

Elaborato che permette di calcolare il dimensionamento delle reti tubazioni in rame per il trasporto dei fluidi vettori per riscaldamento e condizionamento

Istruzioni

Come si procede

1 – la prima cosa che bisogna fare è la scelta dell’unità di misura della potenzialità dell’impianto (BTU – kW – kcal/h – MJ).

2 – indicare il ∆t (delta t in °C) facendo riferimento alla tabella “∆t consigliato”.

3 – inseriamo il valore calcolato a parte delle perdite localizzate (saracinesche, curve, utilizzatori, ecc.) – vedere programma: “Calcolo perdite di carico circuiti idraulici“.

4 – nominiamo il tronco.

5 – inseriamo la potenzialità che deve essere distribuita nell’unità di misura indicata in precedenza.

6 – andiamo ad individuare il DN (diametro nominale) della tubazione necessario. In base alla velocità dell’acqua (vedi tabella seguente) si individua il diametro più consono alle proprie esigenze scegliendo tra i colori: rosso – verde – giallo).

7 – inseriamo la lunghezza in metri (andata + ritorno) della tubazione.

8 – indichiamo se quel tratto di tubazione concorre al calcolo della prevalenza (facoltativo).

9 – controlliamo i risultati.

Facciamo un esempio.

Abbiamo un impianto a termosifoni (radiatori) della potenzialità di 35 kWt – il ∆t consigliato, è di 10 °C.

Le perdite di carico localizzate, computate a parte, vengono individuate in 1.410 mm c.a..

Inseriamo il tronco, la potenzialità trasmissibile, il diametro del tubo (effettuando prove tenendo d’occhio i colori), controlliamo la congruità della velocità dell’acqua, inseriamo la lunghezza ed indichiamo se il tratto concorre al calcolo della prevalenza.

Ripetiamo l’operazione per gli altri tronchi.

Andiamo a leggere i risultati:

possiamo osservare il diametro e la lunghezza delle tubazioni di andata e ritorno, il totale delle perdite di carico, il contenuto di acqua, la massa convenzionale in kg e la superficie esterna eventualmente da coibentare in mq.

Ovviamente il contenuto di acqua, la massa convenzionale in kg e la superficie esterna, sono stati calcolati anche per la tubazione del ritorno.

Caso con collettore e ventilconvettori (fan coil)

Caso con collettore e radiatori (termosifoni)

Più facile di così

Buon lavoro

Il programma sotto riportato è di libero utilizzo.

Per accedere alla versione riservata, a pagina intera e senza pubblicità, bisogna essere iscritti.

Ti puoi iscrivere ora cliccando QUI

Guarda gli altri programmi gratuiti offerti da itieffe ▼

error: Content is protected !!