Dimensionamento reti tubazioni – acciaio


Dimensionamento reti tubazioni – acciaio

Il programma è tradotto nella lingua di tua scelta. Versione html compatibile con la maggior parte dei browser

Dimensionamento reti tubazioni – acciaio

Elaborato che permette di calcolare il dimensionamento delle reti tubazioni in acciaio per il trasporto dei fluidi vettori per riscaldamento e condizionamento


Istruzioni

Come si procede

1 – la prima cosa che bisogna fare è la scelta dell’unità di misura della potenzialità dell’impianto (BTU – kW – kcal/h – MJ).

2 – indicare il ∆t (delta t in °C) facendo riferimento alla tabella “∆t consigliato”.

3 – inseriamo il valore calcolato a parte delle perdite localizzate (saracinesche, curve, utilizzatori, ecc.).

4 – nominiamo il tronco.

5 – inseriamo la potenzialità che deve essere distribuita nell’unità di misura indicata in precedenza.

6 – andiamo ad individuare il DN (diametro nominale) della tubazione necessario. In base alla velocità dell’acqua (vedi tabella seguente) si individua il diametro più consono alle proprie esigenze scegliendo tra i colori: rosso – verde – giallo).

7 – inseriamo la lunghezza in metri della tubazione.

8 – indichiamo se quel tratto di tubazione concorre al calcolo della prevalenza.

9 – controlliamo i risultati.


Facciamo un esempio.

Abbiamo un impianto a ventilconvettori (fancoil) della potenzialità di 120 kWt – il ∆t consigliato, è di 5 °C.

Le perdite di carico localizzate, computate a parte, vengono individuate in 200 mm/m.

Inseriamo il tronco, la potenzialità trasmissibile, il diametro del tubo (effettuando prove tenendo d’occhio i colori), controlliamo la congruità della velocità dell’acqua, inseriamo la lunghezza ed indichiamo se il tratto concorre al calcolo della prevalenza.

Ripetiamo l’operazione per gli altri tronchi.

Andiamo a leggere i risultati:

possiamo osservare i valori del diametro e della lunghezza delle tubazioni, il totale delle perdite di carico, il contenuto di acqua, la massa convenzionale in kg e la superficie esterna eventualmente da coibentare in mq.

Ovviamente il contenuto di acqua, la massa convenzionale in kg e la superficie esterna, vanno calcolati anche per la tubazione del ritorno moltiplicando per due il risultato

Più facile di così

Buon lavoro


Link correlati