Computo metrico estimativo


Computo metrico estimativo

Versione libera in Microsoft Excel

Computo metrico estimativo low cost. funziona egregiamente ed è completamente gratuito.

Con un po’ di manualità è possibile fare computi in breve tempo usando come riferimento il disegno allegato (dwg versione solo condizionamento ma implementabile per altri settori).

Completo di istruzioni per l’uso e per l’inserimento di prezziari aggiornati.

Un’alternativa gratis ai software a pagamento per la computazione.


Disegno allegato (dwg versione solo condizionamento).

Scarica la versione libera in CAD

Istruzioni per l’utilizzo del CME

Il CME Prova deve essere usato come riferimento e non va modificato. Tenere sempre intatto.

Bisogna usare esclusivamente il CME Lavoro

Cancellare tutte le voci SCRITTE IN BLU (se presenti) del precedente computo (colonne A ed F)

NON effettuare operazioni o cancellazioni nelle celle delle colonne C, D, E, G, H, I e K – Contengono le formule di ricerca

La colonna B deve contenere la numerazione progressiva delle voci cioè da 1 a x e va ridisegnata ogni volta

Provate a fare prove inserendo nel foglio CME Lavoro valori nelle colonne A ed F

 

NOTA 1: Se occorrono più righe, inserirle normalmente e poi applicare le proprietà della riga superiore

 E cioè: selezionare la riga precedente alle nuove, da A a L – posizionarsi sulla cella I e posizionare il mouse in basso a DX – Appare un più (+) – trascinare il tutto in basso.

Alla fine sarà necessario ristabilire la numerazione della colonna B

 NOTA 2: Le colonne del CME indicano:

I – Il settore della voce ma, se il prezziario contiene cose da aggiungere (costo minimo operai per esempio) si può utilizzare modificando il titolo;

J – per scrivere note ad uso del computatore, non stampabili;

K – Contatore che indica quante volte la stessa voce è riportata. Tramite filtro sarà possibile decidere se unificare la voce;

L – Inserire il numero 1 se la riga è utilizzata. Serve per operazioni.

Come si procede con la ricerca rapida delle voci

Prima soluzione

Nel prezziario di riferimento, cercare la voce occorrente e nella colonna J (Scelta), una volta trovata inserire:

1 – nel caso di IMPIANTO DI CONDIZIONAMENTO;

2 – nel caso di IMPIANTO ELETTRICO;

3 – nel caso di LAVORI EDILI;

4 – altro.

Una volta decise tutte le voci di computo, inserire il filtro ed usarlo nel seguente modo:

  • con il filtro inserire 1 tutte le voci decise per l’impianto di condizionamento verranno così elencate
  • fare un >copia>incolla speciale della colonna A estratta dal filtro
  • seleziona tutte le voci della colonna A, clicca col destro> copia
  • posizionarsi nella cella A8 del computo> mouse tasto destro> incolla speciale – Accertarsi che ci siano le righe necessarie – A questo punto tutte le voci scelte dal prezziario verranno riportate nel computo – aggiungere solo le quantità in quanto tutte le celle si riempiono in automatico.

Fare le stesse cose per gli impianti elettrici e per i lavori edili

Il computo è pronto.

Stampare le colonne da B a H (dopo aver modificato intestazione e piè di pagina).

Seconda soluzione (Molto più veloce della prima per i computi di condizionamento).

Prendere i numeri delle voci che interessano da inserire in colonna A del computo, direttamente dal disegno allegato (CME- Disegno. dwg).

A questo punto tutte le voci scelte dal disegno sono riportate nel computo – aggiungere solo le quantità in quanto tutte le celle si riempiono in automatico.

Implementare le voci del disegno a piacimento – rimarranno visibili per lavori successivi.

Stampare le colonne da A a H (dopo aver modificato intestazione e piè di pagina).

Nota per i nuovi prezzi NP

Nel prezziario lasciare sempre in finale righe da utilizzare apposta per l’utilizzo di nuovi prezzi.

Per computare i nuovi prezzi, riempire direttamente i fogli inseriti (NP1 – NP2 – ecc.).

Per esempio, riportare i valori del foglio NP 1 sul prezziario (nell’articolo elenco prezzi NP1). Digitare sul CME Lavoro il numero 8988 (numero valido per questo prezziario).

Stesso discorso per prezzi provenienti da altri prezziari da aggiungere a quello utilizzato (vedere come fatto per il prezziario di riferimento attuale e tenerlo a mente).

Spero sia abbastanza chiaro. Ovviamente occorre un po’ di manualità nell’uso di Excel.

Buon lavoro


Link correlati


Versione libera in Microsoft Excel