Filtri aria – norme

I filtri dell’aria sono dispositivi utilizzati per rimuovere particelle e inquinanti dall’aria ambiente o da sistemi di ventilazione. Sono ampiamente utilizzati in varie applicazioni, inclusi sistemi di riscaldamento, ventilazione e condizionamento dell’aria (HVAC), dispositivi di purificazione dell’aria e applicazioni industriali. Ecco alcune informazioni importanti sui filtri dell’aria, inclusi tipi, sigle, classificazioni e norme/regolamenti associati:

Tipi di Filtri Aria:

  1. Filtro a griglia o preliminare (G1-G4): questi filtri sono progettati per catturare particelle di grandi dimensioni, come peli di animali, polvere e detriti.
  2. Filtro a tasche o a borsa (F5-F9): questi filtri sono utilizzati per rimuovere particelle più piccole, come polline e spore di muffa.
  3. Filtro a pannelli o a sacchetto (M5-M6): questi filtri sono progettati per catturare particelle più fini, come il fumo e le particelle di polvere sottili (PM2.5).
  4. Filtro ad alta efficienza (H10-H14): questi filtri sono utilizzati in applicazioni che richiedono una pulizia dell’aria estremamente efficace, come nelle sale operatorie o nelle industrie farmaceutiche.
  5. Filtro a carboni attivi: questi filtri contengono carbone attivo che assorbe gas, odori e composti organici volatili (COV) dall’aria.
  6. Filtro elettrostatico: questi filtri utilizzano cariche elettriche per catturare particelle sospese nell’aria.

Sigle e Classificazioni:

Le sigle G, F, M e H seguite da un numero (ad esempio, G4 o H13) sono utilizzate per classificare i filtri in base alla loro efficienza nella rimozione di particelle. Maggiore è il numero, maggiore è l’efficienza del filtro. Le classificazioni più comuni includono:

  • G (griglia): filtri preliminari per particelle di grandi dimensioni.
  • F (fine): filtri per particelle di dimensioni medie.
  • M (media): filtri per particelle più piccole.
  • H (alta): filtri ad alta efficienza per particelle molto piccole.

Norme e Regolamenti:

I filtri dell’aria sono soggetti a normative e regolamenti specifici, a seconda dell’uso previsto e del luogo di installazione. Ad esempio, i sistemi HVAC negli edifici commerciali devono rispettare le normative locali e nazionali sulla qualità dell’aria interna. Inoltre, ci sono standard internazionali che regolamentano i filtri, come EN 779 in Europa o ASHRAE 52.2 negli Stati Uniti. Questi standard definiscono test di efficienza e prestazioni per i filtri.

È importante scegliere e installare i filtri dell’aria correttamente per garantire che siano adeguati all’applicazione e rispettino le normative vigenti. Inoltre, è necessario effettuare manutenzione regolare per garantire che i filtri mantengano la loro efficienza nel tempo e contribuiscano a mantenere un’aria pulita e sicura.

◄ Indietro

error: Alert: Content selection is disabled!!