Calcolo condizionatore aria


Calcolo condizionatore aria

Il programma è tradotto nella lingua di tua scelta. Versione html compatibile con la maggior parte dei browser

Calcolo condizionatore aria

Facile software con cui chiunque può calcolare la potenza di un condizionatore autonomo a pompa di calore da inserire in un ambiente.

La potenza termica si può calcolare in kWt, BTU, kcal/h, kJ e ton.

In automatico indica il consumo elettrico orario in kW. 

Sono presenti:

  • istruzioni d’uso del programma
  • un facile esempio
  • consigli sull’utilizzo del condizionatore
  • utilizzo del telecomando
  • Video esemplificativo

Istruzioni

Istruzioni per calcolo condizionatore aria

Si deve seguire il programma passo passo.

  1. Tutti i calcoli in: scegliere con che unità di misura vuoi eseguire i calcoli (kW, BTU, kcal/h, kJ e ton)
  2. Denominazione: inserire nome dell’ambiente (salone, letto, ufficio, sala riunioni, ecc.)
  3. Larghezza: inserire la dimensione in metri.
  4. Lunghezza: inserire dimensione in metri
  5. Altezza: inserire dimensione in metri.
  6. Esposizione: indicare scegliendo tra le varie opzioni (nord, est, ecc.)
  7. Tipo di soffitto: indicare scegliendo tra i parametri imposti.
  8. Persone n: indicare quante persone soggiorneranno in modo stabile.
  9. Apporto di calore in: immettere il calore prodotto in ambiente da componenti elettrici (elettrodomestici, illuminazione, ecc.). Se i calcoli sono effettuati in kW, inserire i valori in W.
  10. Aria: inserire se ricambi ora ora o mc/h per persona
  11. Nei dati di riepilogo leggere risultato della potenza termica necessaria nella unità di misura prescelta (in questo caso kW = 4,9).
  12. Inserendo l’EER della macchina (vedere targa), è possibile conoscere il consumo orario della stessa (nel caso in questione: EER = 2,8 con un consumo orario di 2.1 kW). Ovviamente più l’EER è alto, più la macchina offrirà una resa superiore. Si raccomanda usare la virgola e non il punto.

Esempio

Occorre un condizionatore di potenzialità termica di 7.1 kW e che consuma, a regime continuo, 2,9 kW.


Consigli per l’utilizzo del condizionatore

Consigli per l’utilizzo del condizionatore/ climatizzatore

nota: il condizionatore è considerato un sottrattore di calore puro mentre il climatizzatore è fornito di altre funzioni tipo: deumidificazione, riscaldamento, impostazione dell’orario, variazione della velocità del ventilatore ecc. ma è uso comune definirli entrambi condizionatori aria.

Quale condizionatore scegliere al momento dell’acquisto

Nelle case è considerato alla stregua di qualsiasi altro elettrodomestico mentre negli uffici ed ambienti pubblici è oramai un obbligo.

La scelta deve ricadere su apparecchi con tecnologia “Inverter” di classe A++ che offrono il massimo sul risparmio energetico, abbattendo non di poco, il consumo elettrico.

Come Usare Al Meglio Il Condizionatore

 In regime estivo, la temperatura impostabile in un ambiente, non deve avere un differenziale superiore a 7°C rispetto all’esterno (se la temperatura esterna è 40°C quella interna non deve essere inferiore a 33°C). Il superamento potrebbe causare uno shock termico alle persone con danni anche gravi alla salute.

La temperatura consigliata in ambiente è di 26,5 ± 1 °C (in inverno 20 ± 1 °C).

nota: nei deserti, la temperatura è elevata ma il corpo umano difficilmente suda. Ciò è dovuto alla percentuale molto bassa di umidità presente nell’aria. Un ambiente con 33°C, con bassa umidità relativa, offrirà un confort accettabile.

Fatevi installare l’impianto solo da personale specializzato e in possesso del patentino F-Gas.

Attenzione: l’inosservanza a tale indicazione, è causa di sanzioni amministrative con importi molto consistenti.

Ecco alcuni consigli pratici per ottenere il massimo confort (ed anche un risparmio) dal vostro impianto.

  • In estate impostare la temperatura a 27 °C. In inverno impostare la temperatura a 21 °C.
  • Usare la velocità minima del ventilatore (si evitano correnti fastidiose).
  • Con temperature esterne accettabili, usare la funzione “deumidificatore”.
  • Pulire e sanificare i filtri rigenerabili almeno una volta l’anno (due volte in ambienti polverosi).
  • Far pulire completamente e controllare la funzionalità dell’apparecchio ogni 4 anni (unità interna ed esterna, scarichi condensa e alimentazione elettrica) da tecnico specializzato dotato di patentino.
  • Cercare di ombreggiare il più possibile l’ambiente, usando tende, tapparelle, scuri ecc. otterrete notevoli risparmi energetici.
  • Compartimentare gli ambienti che state condizionando per evitare dispersioni di energia.
  • Se il condizionatore ne è dotato, durante le ore notturne utilizzate la funzione “notte”.

Utilizzo del telecomando

Diamo un’occhiata al telecomando

Principali simboli presenti sul telecomando

Ogni modello di condizionatore ha delle funzioni differenti. Alcune di esse sono sempre presenti. Attraverso il tasto “Mode” è possibile accedere a tutte le principali funzioni di seguito descritte

Raffrescamento (cool)

È rappresentata dall’icona del ghiaccio e serve ad impostare la funzionalità estiva

Deumidificazione (dry)

È rappresentata dall’icona della goccia e serve a togliere l’umidità presente nell’aria (facendola condensare sulla batteria e tramite lo scarico della condensa la convoglia allo scarico in fogna)

Ventilazione (fan)

È rappresentata dall’icona della ventola e serve per variare la velocità della stessa. Normalmente si setta in 4 modi: auto – higt – med – low che corrispondono rispettivamente alle velocità: automatica, alta, media e bassa

Riscaldamento (heat)

È rappresentata dall’icona del sole e serve ad impostare la funzionalità invernale (pompa di calore)


Vedi il video