Calcolatore Psicrometrico


Calcolatore psicrometrico


Il programma è tradotto nella lingua di tua scelta. Versione html compatibile con la maggior parte dei browser

Calcolatore psicrometrico aria umida

Per effettuare i calcoli dei valori della miscela di due masse d’aria di portata e valori differenti.

Elaborato che permette di risalire a tutti i valori dell’aria umida partendo da temperatura ed umidità relativa. La temperatura può essere indicata in gradi Celsius (°C) o Fahrenheit (°F).

 


Per psicrometria (dal greco: ψυχρόν, freddo e μέτρον, misura) si intende lo studio inerente alla determinazione delle proprietà di un sistema gas-vapore.

Concetti utilizzati in psicrometria.

Ecco un elenco di alcune grandezze utili nell’ambito della psicrometria:
umidità assoluta, umidità relativa, umidità specifica, titolo di vapore, calore specifico umido molare, temperatura di rugiada (in inglese: dew point), temperatura di saturazione adiabatica (in inglese: adiabatic saturation temperature), temperatura di bulbo umido (in inglese: wet bulb temperature). Fonte Wikipedia.

I principi della psicrometria vengono applicati a qualunque sistema termodinamico che contenga una miscela gas-vapore, e in particolare in ambito HVAC (heating, ventilating, and air-conditioning) e in meteorologia.


Istruzioni

Prime indicazioni

Temperatura (°C – °F), in gradi Celsius (centigradi) o Fahrenheit.

Umidità relativa (%), esprime in percentuale il rapporto tra la quantità di vapore acqueo contenuta in una massa d’aria e la quantità massima che la stessa può contenere nelle medesime condizioni di temperatura e pressione. L’umidità relativa fornisce perciò informazioni su quanto una massa d’aria è lontana dalla condizione di saturazione.

Umidità assoluta (x), è la quantità di vapore acqueo espressa in grammi che è contenuta in metro cubo di aria (o chilogrammo) ad una certa temperatura e pressione. L’umidità assoluta tende ad aumentare al crescere della temperatura.

Entalpia (J), può essere espressa in joule (Sistema internazionale) oppure in calorie, esprime la quantità di energia interna che un sistema termodinamico può scambiare con l’ambiente. In particolare:

  • per una trasformazione isobara in cui si ha solo lavoro di tipo meccanico la variazione di entalpia è uguale al calore scambiato dal sistema con l’ambiente esterno;
  • per una trasformazione isocorobarica (a volume e pressione costanti), la variazione di entalpia coincide sia col calore (Q) sia con la variazione di energia interna (ΔU) che si è avuta durante il processo;
  • per una trasformazione isobaroentropica (a pressione ed entropia costanti), la variazione di entalpia esprime la variazione di energia libera. (Fonte Wikipedia)

Volume specifico (V), è il volume occupato dall’aria umida facendo sempre riferimento al kg di aria secca.

Pressione totale P di una miscela di gas, espressa in millibar (mbar), corrisponde alla somma delle pressioni parziali dei singoli gas.

Pressione parziale p di un gas espressa in millibar (mbar), è la pressione che esso eserciterebbe se fosse da solo nel recipiente.

Temperatura di rugiada (°C), è la temperatura alla quale l’aria raggiunge le condizioni di saturazione (UR=100%). Su ogni elemento (parete, superficie vetrata ecc.) che si trova ad una temperatura appena inferiore alla temperatura di rugiada si forma condensa (rugiada).

Temperatura a bulbo umido (°C), è la temperatura dell’aria ambiente misurata con termometro il cui bulbo è mantenuto umido dall’acqua della garza. Dall’interpolazione delle temperature realizzate con uno psicrometro (misuratore di temperature a bulbo secco e umido) tramite la “Tabella per psicrometro” è possibile risalire all’umidità relativa (%).

Portata aria (Q in mc/h), quantità aria sia esterna che interna, che viene utilizzata.

Saturazione, sono i valori di temperatura e umidità alla quale si imposta la macchina utilizzata per modificare i parametri della miscela di aria (trasformazione). Più il valore è basso e più la quantità di aria immessa in un ambiente (mc/h) è la minima necessaria per rinfrescarlo (immettere aria in un ambiente a valori molto bassi però, non è igienico ne economico). Ovviamente la temperatura deve essere inferiore a quella del Punto di rugiada.

Aria mandata, è una temperatura ragionevole per inviare la miscela d’aria nel circuito. L’umidità relativa viene calcolata in automatico. Può coincidere con la SATURAZIONE.

Pressione (hPa), modificare questo parametro con quello reale, calcolando che la temperatura a bulbo umido varia col variare della pressione.


Istruzioni per l’utilizzo del calcolatore psicrometrico

1) Effettuare la scelta della misura della temperatura tra Celsius (°C) e Fahrenheit (°F).

2) Impostare la temperatura esterna e l’umidità relativa (vedi “Temperature esterne di progetto” e “Temperature progetto mondiali”).

3) Inserire la quantità di aria esterna prevista in mc/h (vedi “Aria esterna per persona” “Ricambi d’aria per ora“).

4) Impostare la temperatura ambiente voluta (°C – °F) e l’umidità relativa (UR %).

5) Inserire la quantità di aria di ricircolo prevista (mc/h).

Inserendo tutto quello previsto finora, si ottengono i valori della MISCELA ARIA (aria totale).

Ora bisogna effettuare la scelta della temperatura e dell’umidità relativa del nostro punto di SATURAZIONE.

Infine si inserisce il valore della temperatura per L’ARIA DI MANDATA (che può coincidere anche con il punto di SATURAZIONE) più sarà alta, più sarà bassa l’umidità relativa.

Se la temperatura dell’aria di mandata è troppo alta, non ci saranno fenomeni di deumidificazione.

La temperatura a bulbo umido varia col variare della pressione. Per questo motivo si inserisce la pressione (in hPa) relativa al sito preso in considerazione.